Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è partecipazione

LINEA INQUIETA - dal FUTURISMO al DADAISMO

 

Venerdì 27 ottobre alle ore 18 verrà inaugurato il secondo volume della collana "Linea inquieta. Tracce d'avanguardia nel contemporaneo" dal Futirismo al Dadaismo a Palazzo Ceschi a Borgo Valsugana.

Il progetto, proposto da ARCI del Trentino in collaborazione con la Comunità di valle, si propone come un esperimento che intende mostrare una panoramica sugli aspetti che interessarono il fenomeno delle “avanguardie storiche di inizio ‘900”, nel tentativo di individuare degli elementi di continuità affacciandosi allo scenario delle nuove generazioni nel campo dell’arte contemporanea.

E’ scopo di tale indagine soprattutto il voler verificare la “persistenza della memoria”, e tentare di comprendere se il rapido avvicendarsi dei cambiamenti globali che in quest’epoca tagliano trasversalmente le varie generazioni, nella forma di una rapidissima evoluzione tecnologica, di una massificazione culturale assoggettata alla merce, sono in grado di annichilire le testimonianze della storia.

Il progetto espositivo consiste in una serie di mostre itineranti realizzate con le opere di giovani artisti selezionati dal panorama italiano, invitati a dialogare con un’opera storicizzata, estratta dal più ampio contesto del movimento d’avanguardia via via affrontato.

Un saggio critico tenterà di offrire al lettore e al visitatore della mostra un sintetico tracciato lungo il quale sarà più semplice comprendere il contesto entro il quale operavano gli artisti d’avanguardia, per porlo a confronto con le nuove sperimentazioni e ravvisarne così i legami, oppure le contraddizioni.

La sede di Palazzo Ceschi di Borgo Valsugana è lieta di ospitare la prima tappa di questa seconda esposizione che in seguito verrà presentata in altri luoghi del Trentino.
Da alcuni anni Palazzo Ceschi ha aperto gli spazi della propria amministrazione all'arte, con lo scopo di rendere questi luoghi più abitati e familiari alla comunità per estendere il dialogo culturale.

Il tema dell'esposizione è "Dal Futurismoi al Dadaismo"  vede la partecipazione di Tiziano Bellomi, Osvaldo Cibils, Mattia Cozzio, Capitan Gidouille, Gunter Pusch, Renato Sclaunich.

Accanto alle opere in mostra dei giovani artisti, a mò di cardano di un motore sperimentale, viene presentata anche un'opera di Fortunato Depero
La mostra e il catalogo sono curati da Paolo Dolzan.

Durata: 27.10.2017 - 17.11.2017

Orari di apertura: dal lunedì al giovedì ore 9/12 e 14/18; venerdì ore 9/12

 




Arci del Trentino, comitato provinciale | Viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300
aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.
www.arcideltrentino.it – trento@arci.it