Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è non violenza

Estate in campo 2020

Quattordici giovani trentini ed altoatesini potranno vivere un’esperienza nei beni confiscati alla mafia a Corleone.L'iniziativa, promossa a livello regionale da Arci del Trentino, Arciragazzi Bolzano e cooperativa Altrimondi, vede in Provincia di Trento la partecipazione dello Spi Cgil e il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Giovanili della Provincia Autonoma di Trento.

Le preiscrizioni sono scadute lo scorso 2 agosto.

Il progetto è partito e abbiamo comunicato ai partecipanti i primi appuntamenti in programma.

Il primo incontro formativo si terrà a Trento, presso il circolo Café de la Paix (passaggio Osele 6/8) venerdì 7 alle ore 18.30

Il progetto ha ricevuto più domande rispetto ai posti a disposizione; purtroppo quest'anno, a causa delle norme di distanziamento per la prevenzione del covid 19, i posti per la partecipazione al progetto sono particolarmente ridotti, a nome della nostra Associazione ringraziamo tutti i ragazzi e le ragazze che si sono candidati e hanno dato la loro disponibilità.

I campi della legalità sono un'esperienza di impegno e di formazione sui terreni e i beni confiscati alle mafie ed ora gestiti dalle cooperative sociali e dalle associazioni. Per i giovani che vi partecipano sono un'occasione per sperimentarsi in azioni concrete contro l'illegalità.

L'obiettivo principale è diffondere una cultura fondata sulla legalità democratica e sulla giustizia sociale, che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto. 

Oltre al lavoro sui terreni i giovani saranno coinvolti in attività formative, incontri con personalità impegnate nella lotta alla mafia e visite alla scoperta del territorio.

 

Prima della partenza (dal 25 agosto al 2 settembre) i giovani parteciperanno a un percorso di formazione (7 - 11 e 21 agosto)

per conoscere la storia della mafia, con uno sguardo particolare ai movimenti antimafia siciliani, attraverso specifici laboratori e i manuali “Appunti di antimafia”.

Al ritorno i giovani che hanno preso parte ai Campi, saranno chiamati a restituire alla cittadinanza la loro esperienza anche tramite apposite iniziative.

 

"Quella dei Campi della legalità – Estate in Campo! 2020; è un’esperienza necessaria nella costruzione della cittadinanza attiva

per i giovani, e siamo contenti di riuscire a proporla con i giusti protocolli di sicurezza anche quest’estate, che arriva dopo mesi

complicati” - dichiara Andrea La Malfa, presidente ARCI del Trentino - Un impegno che serve ai giovani per riflettere sul tema

del potere mafioso, che resta uno dei grandi problemi, troppo spesso sottaciuto. Purtroppo si è reso evidente come anche il

Trentino soffra di infiltrazioni della criminalità organizzata; è dunque essenziale reagire, con l’azione repressiva ma anche

diffondendo la cultura dell’antimafia".

 


Per informazioni è necessario contattare l’Arci del Trentino inviando una mail a 

trento@arci.it 

oppure

telefonando allo

0461/231300.

 

 

 




Arci del Trentino, comitato provinciale | Viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300
aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.
www.arcideltrentino.it – trento@arci.it