Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è democrazia

3 agosto in aula il testo unificato della proposta di legge contro l’omo-bi-transfobia e la misoginia

Il 3 agosto arriva finalmente in aula il testo unificato della proposta di legge contro l’omo-bi-transfobia e la misoginia, di cui sarà relatore l’onorevole Alessandro Zan.

Insieme a tutte le organizzazioni aderenti alla Rete nazionale per il contrasto ai discorsi e ai fenomeni d'odio, non possiamo che esprimere tutta la nostra soddisfazione nel vedere arrivare in aula questa proposta di legge, di cui ci auguriamo l’approvazione in tempi certi e rapidi, e senza stravolgimento o compromessi al ribasso.

Ci auguriamo inoltre che a questo adeguamento normativo si affianchi finalmente una cultura del diritto e della prevenzione dei fenomeni d’odio, come risposta ferma e duratura al culto della violenza e alla prassi della discriminazione.

Finalmente, dopo la parziale sospensione dei lavori delle Camere dovuta all’emergenza Covid, e finalmente – soprattutto – dopo che due proposte di legge contro l’omofobia furono sottratte al dibattito parlamentare durante la XVI legislatura, nel 2009 e nel 2013. Finalmente, infine, perché l’Italia è molto in ritardo, rispetto a molti altri paesi, nell’accogliere le raccomandazioni delle Nazioni Unite, del Consiglio d’Europa e di vari documenti di soft e hard law dell’Unione Europea in tema di diritti umani delle persone LGBTI+.

La proposta di legge in discussione – è utile ricordarlo – riguarda l’estensione della punibilità già prevista dagli artt. 604 bis e 604 ter c.p., per le condotte di commissione di atti discriminatori o istigazione alla commissione di atti discriminatori per motivi razziali, etnici, nazionali e religiosi, anche alle medesime condotte per motivi di genere, sesso, identità sessuale e orientamento sessuale. Non riguarda invece la propaganda di idee o le convinzioni personali.

Come già avviene in molti paesi, dalla Francia alla Germania, dall’Austria alla Svizzera, il disegno di legge propone la perseguibilità di reati motivati da «stigma sessuale, in particolar modo nei confronti delle persone omosessuali e transessuali», insieme all’introduzione di strumenti di prevenzione del crimine e di assistenza alle vittime di questi reati.

L’approvazione del disegno di legge permetterebbe non solo di dotare la magistratura di norme adeguate, e le vittime di una tutela legale dei loro diritti, ma anche di far avanzare sensibilmente il dibattito sulla piena cittadinanza di tutte le persone, e di porre fine a una grave forma di discriminazione in palese contrasto con il dettato della Costituzione.

Non possiamo che esprimere tutta la nostra soddisfazione nel vedere arrivare in aula questa proposta di legge, di cui ci auguriamo l’approvazione in tempi certi e rapidi, e senza stravolgimento o compromessi al ribasso. Ci auguriamo inoltre che a questo adeguamento normativo si affianchi finalmente una cultura del diritto e della prevenzione dei fenomeni d’odio, come risposta ferma e duratura al culto della violenza e alla prassi della discriminazione.

https://www.arci.it/proposta-di-legge-zan-in-aula

 




Arci del Trentino, comitato provinciale | Viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300
aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.
www.arcideltrentino.it – trento@arci.it