Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è bene comune
Spettacolo
Caffè Cinematografico: incivile è la guerra @ Cafè de La Paix
domenica 9 dicembre 2018 - alle ore 21:00

Il Caffè Cinematografico del Café de la Paix presenta una trilogia di film incentrati sulle vite dei civili quando, lontana o fuori dalla finestra, infuria la guerra. L'obiettivo è indagare, attraverso il cinema, il degrado morale, fisico, mentale, che colpisce le società e le persone durante i conflitti.

Verranno quindi proiettati tre film, per tre domeniche successive:
-"Cargo 200" (Gruz 200) regia di Aleksej Balabanov, Russia, 2007, durata 89 minuti.
-"Insyriated" (Une famille syrienne) regia di Philippe Van Leeuw, Belgio, Francia, 2017, durata 85 minuti. 
-"Il carniere" regia di Maurizio Zaccaro, Italia, 1997, durata 94 minuti.


Questa domenica 9 Dicembre alle ore 21: 

-"Insyriated" (Une famille syrienne) regia di Philippe Van Leeuw, Belgio, Francia, 2017, durata 85 minuti

TRAMA
Damasco, Siria. Oum Yazan, madre di tre figli, vive barricata nella propria abitazione, in una città sotto assedio. La donna ha reso l'appartamento un porto sicuro per la famiglia e per alcuni vicini, cercando di proteggerli dalla guerra. Quando le bombe minacciano di distruggere l'edificio, quando i cecchini trasformano i cortili in zone di morte e i ladri irrompono per saccheggiare e violentare, mantenere tra quelle mura il sottile equilibrio della routine diventa una questione di vita e di morte.

CRITICA
"Oggi la guerra si diffonde con YouTube e iPhone. Un film claustrofobico, quasi astratto, ma insieme attualissimo, è questo del belga Philippe Van Leeuw, con un titolo che si ripiega con l'aggettivo senza scampo. (...) recitato da un grande cast capace di esprimere violenza solo con la potenza dello sguardo." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 22 marzo 2018) 

"Tutto si svolge tra le pareti domestiche, il contesto politico rimane letteralmente fuori campo: potrebbe essere qualunque guerra. L'unica cosa che si avverte con forza è la mano dell'Autore: lo stile registico, con lunghi silenzi e piani-sequenza, e la scrittura. Se non manca una certa suspense man mano che si chiariscono i rapporti tra i personaggi, i nodi vengono al pettine quando la costruzione si fa più scoperta, con momenti-clou sensazionalistici. 'Insyriated' è forse soprattutto un veicolo per la protagonista, Hiam Abbass (...) nel ruolo di una madre dolorosa e indurita." (Emiliano Morreale, 'La Repubblica', 22 marzo 2018) 

"Tutto ambientato in un appartamento nella Damasco assediata, è un film indirizzato al pubblico che vive lontano dai fuochi della guerra, pur con l'assuefazione dei reportage televisivi. (...) L'illuminazione del direttore della fotografia Virginie Surdej crea una pacata penombra, unico elemento a protegge la famiglia. Il film non racconta un vicenda, ma uno stato d'animo drammatico a cui partecipare, a soli pochi chilometri di distanza." (Silvana Silvestri, 'Il Manifesto', 22 marzo 2018) 

"(...) 'Insyriated' dell'esperto direttore della fotografia Van Leuuw, qui alla seconda regia, è un thriller ad orologeria calibrato e spietato nei suoi 85 minuti di durata. Come in un horror di Romero (pensiamo a 'La notte dei morti viventi') o in un gioco al massacro di Roman Polanski, la nostra dimora diventa campo di battaglia e crocevia di scelte morali, istinti troppo a lungo repressi, frustrazioni e corridoi della paura. (...) Siamo in Siria, a Damasco, ma potremmo essere ovunque per quanto Van Leuuw enfatizzi più le dinamiche fisiche e spaziali che non politiche o psicologiche. (...) Bello e feroce." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 22 marzo 2018) 

"(...) questo dramma, ambientato in un appartamento di Damasco sotto l'infuriare della guerra, ha un suo angoscioso fascino. Protagonista la sfiorita, ma ancora bellissima israeliana Hiam Abbas, quella del magnifico 'Il giardino dei limoni', che cerca di tenere unita una famiglia disperata." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 22 marzo 2018)

"Il claustrofobico dramma del belga Van Leeuw sceglie di non mostrare alcuna violenza, ma restituisce tutto il terrore attraverso il sonoro. Per 85 minuti lo spettatore è intrappolato nello stesso spazio dei protagonisti, mentre un meccanismo a orologeria innesca situazioni sempre più tese e insostenibili, soprattutto quando la casa viene violata. Una risposta a chi si chiede da cosa fuggano i migranti che lasciano il proprio paese a costo della vita stessa." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 23 marzo 

"(...) il titolo 'Insyriated' è un gioco di parole, potremmo tradurlo 'bloccati in Siria' ed è effettivamente un raro film che porta sugli schermi la tragedia di chi vive in quel disgraziato paese, barricato in casa per proteggersi da entrambi i lati della guerra civile. Il regista, Philippe Van Leeuw, è belga; il cast è multietnico e di lingua araba, capeggiato da due attrici superbe, la giovane libanese Diamand Abou Abboud e la veterana palestinese (di passaporto israeliano) Hiam Abbass (...). Il film è stato girato a Beirut, ma per quello che si vede si sarebbe potuto realizzarlo anche in teatro a Cinecittà: la trama copre l'arco di una giornata e si svolge interamente nell'appartamento di un palazzo che si intuisce diroccato, dove si sono asserragliate due famiglie che si aiutano a superare la drammatica quotidianità della guerra. (...) La colonna sonora è fatta di dialoghi, spari, bombe e un ripetuto, furioso bussare alla porta da parte di miliziani ignoti decisi a penetrare nella casa. La giornata inizia con una tragedia, ha un crescendo di violenza quasi insostenibile e riesce, nel finale, a tirare paradossalmente il flato. Un grande film (...)." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 14 febbraio 2017)


La proiezione è riservata ai soci, la tessera (8€) si può sottoscrivere al momento e ha validità fino al 30 di settembre.
Si raccomanda la puntualità. Il servizio bar non sarà attivo durante la proiezione.

♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒♒
Café de la Paix, passaggio Teatro Osele, 8 38122 Trento

Arci del Trentino, comitato provinciale viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300 aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17. www.arcideltrentino.it – trento@arci.it