Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è libertà
Laboratorio
MUSE A TUTTO LIBRO
da

"MUSE a tutto libro" è un ciclo di incontri con gli autori che, partendo dalla presentazione di libri di recente pubblicazione, affronta temi scientifici e sociali contemporanei e di interesse pubblico. 

In una sorta di salotto informale, gli scrittori dialogheranno con un conduttore esperto del museo sui temi affrontati dai loro libri, tutti di recente pubblicazione, approfondendone gli aspetti scientifici e di attualità. Non mancherà per il pubblico la possibilità di interagire in modo divertente e dinamico e, al termine degli appuntamenti, un piccolo momento conviviale nel quale scambiare opinioni e chiacchierare informalmente con i relatori. Tre i filoni nei quali si collocano le presentazioni: cultura e comunicazione scientifica; natura-scienza-ambiente e viaggi ed esplorazioni.

Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.it



mercoledì 15 maggio, ore 20.30
"A mente fredda" di Matteo Cerri conduce Samuela Caliari
Il consumo energetico è ridotto quasi a zero, il metabolismo rallenta, i neuroni si scollegano, i tumori cessano di crescere: il corpo va in letargo. Orsi, scoiattoli e ghiri sopravvivono così alla stagione invernale. E noi ci potremmo ibernare? 
Le ricerche degli ultimi 15 anni fanno pensare che sia possibile. I geni necessari a sopravvivere all'ibernazione dovrebbero essere presenti nell'uomo, anche se l'evoluzione ci ha fatto perdere la capacità di attivare questo stato. La medicina potrebbe trarne grandi benefici: riducendo il bisogno di ossigeno del cervello, avremmo più possibilità di sopravvivere dopo un ictus, un arresto cardiaco o uno shock settico. Anche le agenzie spaziali ne intravedono i vantaggi. Un equipaggio di astronauti ibernati potrebbe, infatti, raggiungere Marte con meno cibo e acqua, evitando anche alterazioni della psiche legate alla lunga permanenza in un ambiente ristretto. Gli astronauti sarebbero anche protetti dai danni delle radiazioni cosmiche, dall'astenia muscolare e dall'osteoporosi che potrebbero insorgere in condizioni di microgravità.

Arci del Trentino, comitato provinciale viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300 aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17. www.arcideltrentino.it – trento@arci.it