Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l'utilizzo di tutti i cookies.
Se si continua a navigare sul presente sito, si accetta il nostro utilizzo dei cookies. Clicca qui per visualizzare l’informativa allegata.

Accetta
... è non violenza
Laboratorio
La Trento che vorrei - Riportando il fiume in città
da

La Trento che vorrei - Helvetia Editrice

Margherita Montanari dialoga con i curatori Alberto Winterle e Federico Zappini e con le autrici e gli autori del libro.

E' simbolico che la prima presentazione di questo volume si tenga lì dove scorreva l'Adige. L'idea di raccogliere questo caleidoscopio di visioni nasce dallo stimolo offerto da La Venezia che vorrei. Parole e pratiche per una città felice. e dall'urgenza di rimettere in moto un dibattito che sembra muto, assente. Estromesso dal cuore della città - proprio come il suo fiume, reso periferico per semplificare il quadro urbana - vogliamo torni a innervare lo spazio pubblico e le reti comunitarie, offrendo spunti per decodificare il presente e progettare il futuro. L'acqua che lambisce la riva, ora placida ora più impetuosa, è la metafora del tempo che scorre e porta con se le esperienza trasformatrici utili a pensare e realizzare la città che sarà.

La Trento che vorrei intende essere uno strumento a disposizione della città tutta e dei suoi abitanti, incrociando i loro sguardi con il territorio che la circonda, necessario per definirsi e complementare per immaginarsi nel futuro.

Crediamo che - come scriviamo nella quarta di copertina del volume - che periodicamente una città "abbia la necessità di guardarsi, ascoltarsi e riflettere su se stessa."

Questo insieme di narrazioni è un contributo polifonico, composto da un gruppo eterogeneo di autori, che propone ricordi, descrizioni e interpretazioni attraverso l'uso di diverse forme discorsive. Una molteplicità di testi e di parole che possono suscitare immagini e sollecitare reazioni. Ipotesi capaci di definire nuovi scenari, esplorando forme diverse di fare politica, per costruire la Trento di domani.

Quella del 14 giugno è la prima tappa di un viaggio non solo letterario che dovrà condurre il libro, le sue autrici e i suoi autori nei vari angoli della città (e oltre) attivando il numero più ampio possibile energie vitali.

#latrentochevorrei muove i primi passi, riportando il fiume in città.

Arci del Trentino, comitato provinciale viale degli Olmi, 24 – Trento. tel e fax 0461231300 aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17. www.arcideltrentino.it – trento@arci.it